pagina iniziale chi siamo area servizi area prodotti porte blindate
archivio news iscrizione newsletter glossario A-Z area contatti area riservata
 
 
     
  glossario   
  Dalla A alla Z, troverai qui tutte le parole che raccontano il nostro lavoro. Ti servirà a spiegare un dettaglio tecnico a un cliente o solo a soddisfare una tua curiosità. Buona consultazione!  
 
     
a-f  g-o  p-z 
 

Pannello specchiato
Pannello con un riquadro interno e sporgente, che viene montato in scanalatura praticate nel telaio.
Parapetto (o sottoluce) Zona di parete situata al disotto del vano di una finestra. Insieme agli sguinci e al davanzale interno forma il vano sottofinestra.
Pareti perimentrali Chiusure che hanno la funzione di proteggere l'ambiente interno dalle condizioni ambientali esterne, senza tuttavia consentire il controllo dell'illuminazione e della ventilazione degli spazi interni dell'edificio.
Perimetro apribile Sviluppo perimetrale complessivo della superficie apribile. Il calcolo si effettua a partire dalle stesse dimensioni che servono a determinare la superficie apribile.
Permeabilità all'aria E' la caratteristica di una finestra chiusa di lasciare filtrare aria nel caso di una differenza di pressione tra l'interno e l'esterno. Secondo il metodo di prova (UNI EN 1026) l'infisso viene fissato alla parete di prova, attrezzatura che consente di provocare una differenza di pressione tra la faccia esterna dell'infisso e quella interna, e di misurare il volume d'aria disperso; in ragione del volume di aria disperso, della superficie totale del serramento e della lunghezza dei giunti apribili, viene determinata la permeabilità all'aria dell'infisso. La classificazione viene valutata secondo la norma UNI EN 12207, che prevede quattro classi di prestazione (1,2,3,4 la classe massima è la 4).
Persiana Anta o imposta applicata sull'esterno del vano architettonico e nella quale il tamponamento è formato da lamelle fisse od orientabili. L'apertura può avvenire per rotazione o per scorrimento o a libro. È detta anche gelosia.
Pomolo Maniglia sferoidale. Può essere fissa oppure agire sullo scrocco delle serrature.
Ponte termico Elemento o connessione che consente, per contatto, il passaggio di calore tra due componenti a temperatura diversa.
Porta Elemento avente la funzione principale di consentire o impedire il passaggio delle persone, animali e cose e altri elementi fisici tra lo spazio interno ed esterno dell'edificio.
Porta a libro Porta a più ante che scorrono e si impachettano lateralmente al vano.
Porta finestra Serramento esterno con funzione sia di permettere la trasmissione dell'energia radiante, considerando l'illuminazione ed eventualmente la visibilità attraverso, sia di permettere il passaggio di persone tra gli spazi interni e gli spazi esterni.
Porta finestra a bandiera o zoppa E' composta da una porta finestra e da una finestra.
Porta girevole Serramento formato generalmente da tre o quattro ante fissate, con diversa angolazione tra loro, ad un montante centrale. Per il passaggio delle persone ruotano sull'asse del montante centrale in un tamburo metallico di contenimento.
Prestazioni acustiche Per la determinazione del potere fonoisolante di un infisso occorre fare riferimento alla norma internazionale ISO 140/3, che prevede l'uso della doppia camera riverberante. In pratica, l'infisso viene installato sulla parete divisoria di due camere acusticamente isolate e di dimensione normalizzata; nella camera corrispondente alla faccia esterna dell'infisso viene installato un generatore di suoni puri, mentre nell'altra camera viene installato un fonometro. La differenza tra l'intensità acustica prodotta alle diverse frequenze a quella misurata definisce il potere fonoisolante in dB(A)(decibel in scala A) dell'infisso in prova. Sulla base di tale risultato, la norma UNI 8204 prevede la classificazione degli infissi in tre categorie (R1, R2, R3).
Profilato Elemento metallico o di materiale plastico di sezione varia ma relativamente ridotta rispetto alla lunghezza. È prodotto e formato in barre se metallico o di plastica rigida mentre può essere fornito in rotoli se di materiale flessibile.
Punto di chiusura Posizione nella quale un perno, applicato su un'asta scorrevole o su un meccanismo dell'anta mobile, si inserisce nell'incontro posto sul telaio fisso bloccandosi.
Punto di fissaggio Posizione in cui è effettuato il collegamento fisso e rigido tra controtelaio e struttura muraria o tra telaio fisso e controtelaio.
Punto di rugiada Momento in cui inizia a condensarsi in goccioline il vapore acque contenuto nell'aria a contatto con superfici a temperatura inferiore.
PVC Il PVC (cloruro di polivinile), è una materia termoplastica, prodotta a partire da materie prime naturali, sale e petrolio. Il PVC in polvere si ottiene al termine di varie fasi di trasformazione.

Raccogli condensa Elemento a forma di U applicato o facente parte dei profilati orizzontali di base per raccogliere l'acqua di condensa o di infiltrazione.
Resistenza al carico del vento E' la capacità di un infisso sottoposto a forti pressioni e/o depressioni, come quelle causate dal vento, di mantenere una deformazione ammissibile, di conservare le sue proprietà e di salvaguardare la sicurezza degli utenti. Il metodo di prova (UNI EN 12211) prevede che il differenziale di pressione tra la faccia esterna e quella interna presenti valori più elevati rispetto a quello della permeabilità all'aria. L'infisso viene sottoposto a brusche e intense differenze di pressione, dopodiché si verifica che esso abbia mantenuto le proprie caratteristiche funzionali e prestazionali. Secondo la norma UNI EN 12210 l'infisso può essere classificato in cinque classi per la pressione del vento (1,2,3,4,5) e tre classi per la freccia relativa frontale (A,B,C) il cui abbinamento fornisce la classificazione del serramento (C3, B5, A1, ecc.).
Resistenza all'effrazione Vengono valutate le caratteristiche di resistenza all'effrazione di finestre, porte, chiusure oscuranti sotto le azioni di carico statico, carico dinamico, attacco manuale compiute da attrezzi o congegni indicati nei metodi di prova (UNI ENV 1628 - UNI ENV 1629 - UNI ENV 1630); vengono quindi simulate attraverso tali attrezzi e congegni le azioni più comunemente adottate dallo scassinatore che entra, dalle finestre, nelle abitazioni. Alla fine delle prove vengono rilevati i degradi ed il tempo occorsi per aprire il serramento e viene stabilita la classe di resistenza del serramento seguendo le indicazioni fornite dalle tabelle della UNI ENV 1627.
Resistenza meccanica Le prove meccaniche effettuate sulle finestre consentono di determinare gli sforzi necessari alla sua apertura e chiusura, esaminare il comportamento durante sollecitazioni meccaniche che simulano le errate manovre a cui può essere sottoposta la finestra stessa, esaminare l'efficacia dei dispositivi d'arresto e d'apertura, verificare la durabilità dell'insieme serramento- Accessori. Secondo quanto indicato dalla norma (UNI EN 107) le finestre vengono sottoposte a sollecitazioni diverse in funzione della tipologia dell'infisso. Al termine della prova si verifica che la finestra non presenti inammissibili rotture o deformazioni residue inaccettabili e che mantenga inalterata la propria funzionalità. I limiti di accettazione sono definiti dalla norma UNI 9158.
Ribalta Anta apribile verso l'interno a battente per rotazione su asse laterale verticale o orizzontale. Questa doppia soluzione di apertura è possibile per mezzo di un gruppo di meccanismi che permettono di inserire o disinserire le cerniere verticali o quelle orizzontali.
Righello fermavetro Profilati per il fissaggio del vetro o dei pannelli di tamponamento all'anta, quando non è previsto l'incasso.
Rotaia Guida di scorrimento nelle ante scorrevoli.

Traversa intermedia dell'anta Profilo costituente un elemento orizzontale dell'anta della porta finestra, che viene in genere inserito a una certa altezza dal pavimento per ridurre l'altezza della lastra di tamponamento.

Sali disidratanti Vengono posti nell'intercalare metallico tra le lastra o, quando questo manca, nel primo strato elastico del giunto, con lo scopo di assorbire l'umidità dell'aria o del gas presente al momento dell'assemblaggio o che può essere penetrata per diffusione, e gli eventuali vapori di solventi presenti nel sigillante provenienti dall'ambiente di assemblaggio. Generalmente vengono usati il gel di silicie ed i cosiddetti setacci molecolari.
Saliscendi Finestra nella quale le ante scorrono verticalmente. Il bilanciamento può avvenire mediante contrappesi (contrappesata), mediante molle oppure con il collegamento delle due ante (autobilanciata). In questo ultimo caso il movimento dell’ante è contemporaneo.
Scarico dell'acqua Asola che consente il deflusso, verso l'esterno, dell'acqua di infiltrazione. È protetto da una coppetta di materiale plastico.
Schermi Infissi che si caratterizzano per lo svolgimento di alcune funzioni specifiche, come quelle di controllare in particolare l'irraggiamento e l'illuminazione.
Schiuma di poliuretano Materiale isolante in commercio confezionato in bombolette spray. Solidifica a contatto con l'aria. Viene impiegato per isolare e sigillare gli spazi vuoti che rimangono lungo il perimetro del controtelaio nella posa in opera dei serramenti.
Scorrevole Serramento in cui le ante, poste su piani diversi, ma paralleli, scorrono l'una sull'altra.
Scorrevole alzante Serramento in cui l'anta, posta su un piano diverso, prima di iniziare lo scorrimento, è sollevata per mezzo di un particolare meccanismo.
Scorrevole parallelo Serramento in cui, nella posizione di chiuso, le ante sono sullo stesso piano; al momento dell'apertura l'anta sporge su un piano interno e si porta, scorrendo, davanti all'altra.
Scorrevole traslante Serramento in cui, nella posizione di chiuso, le ante sono sullo stesso piano; al momento dell'apertura l'anta sporge su un piano interno e si porta, scorrendo, davanti all'altra.
Scrocco Elemento della struttura, terminante con un piano inclinato per la chiusura a spinta, manovrato direttamente dalla maniglia. In certe serrature lo scrocco ha anche la funzione di catenaccio e quindi è comandato e bloccato dalla chiave.
Scudo termico Sistema per evitare o ridurre, nei serramenti, il passaggio di calore attraverso i profilati del telaio. Consiste nell'applicare, sul lato esterno del telaio, degli elementi metallici o plastici che proteggono ed isolano il profilato interno che così può essere a tubolare interno e non a taglio termico.
Scuretto Elemento tecnico posto all'interno del serramento, formato da una o più ante opache, con rotazione su asse verticale laterale, collegate al telaio della'anta o al telaio fisso del serramento.
Scuro Imposta con tamponamento cieco applicata alle finestre per proteggere la lastra di vetro ed assicurare l'oscuramento.
Sensi di apertura Apertura intorno all'asse verticale.
Senso di apertura destro L'anta che, spinta, ruota in senso orario.
Senso di apertura sinistro L'anta che, spinta, ruota in senso antiorario.
Serramento Sistema di infissi costituito da telai, pannelli di tamponamento (trasparenti e non) e Accessori che separa due ambienti. È definito esterno quando i due ambienti hanno caratteristiche climatologiche diverse, interne se le caratteristiche sono uguali.
Sguinci (o strombature) Sono le superfici interne ai lati dell'apertura disposte ortogonalmente o inclinate rispetto al piano della parete.
Shock termico Fenomeno causato da riscaldamento o raffreddamento localizzato di un vetro che determina in esso delle sollecitazioni che possono provocare delle rotture , dovute, appunto ad una dilatazione termica non generalizzata.
Sistemi di oscuramento Sono quegli elementi che accoppiati, internamente o esternamente, al serramento, impediscono il passaggio della luce. In genere: persiane, avvolgibili, tende alla veneziana e tende di tela.
Soglia Elemento situato in corrispondenza del lato inferiore di porte e porte finestre per delimitare la pavimentazione interna rispetto a quella esterna e per costruire la battuta del serramento. Può essere distinta in soglia interna e soglia esterna.
Sollecitazione Forza agente su un elemento o su un serramento e che ne può causare deformazioni con o senza infiltrazioni. Può essere originata da fattori climatici (ad esempio, spinta del vento) o delle azioni dell'utenza.
Sopraluce Specchiatura apribile o fissa, posizionata nella parte alta di un serramento sopra l'anta.
Sottoluce Specchiatura apribile o fissa, posizionata nella parte bassa di un serramento sotto l'anta.
Specchiatura Suddivisione di un telaio o di un'anta comprendente una unica lastra di vetro o un unico pannello di tamponamento.
Spinta del vento Sollecitazione di carattere climatico dovuta alla pressione che il vento può esercitare sui serramenti esterni.
Stecca Elemento lineare che, accoppiato con se stesso, forma il telaio di un avvolgibile o i tamponamento di una persiana. Può essere semplice, tubolare o con iniezione di materiale isolante.
Stipite Parte laterale verticale del vano architettonico in cui viene applicato il serramento.
Stipiti Sono gli elementi disposti ai lati dell'apertura, che formano le superfici verticali esterne ortogonali al piano della parete.
Stratificato Lastra di vetro formata da due o più vetri semplici incollati su tutta la superficie e con interposti dei fogli di materiale plastico trasparente (pvb-polivinilbutirrale). Le lastre così composte presentano una notevole resistenza allo sfondamento e ai proiettili.
Superficie apribile Superficie manovrabile del vano. Per convenzione equivale alla superficie manovrabile vista dall'interno.

Taglio termico Interruzione del passaggio di calore (ponte termico) tra due ambienti attraverso il serramento. Viene ottenuto in genere con l'inserimento di materiale isolante tra la parte esterna e quella interna. Nei profilati per serramenti il sistema più usato consiste nell'inserimento di barrette in poliammide.
Tapparella Chiusura formata da stecche o lamelle unite tra loro ma con possibilità di avvolgersi in alto su un rullo di contenimento e movimentazione. Es.: tapparella
Telaio fisso (o telaio di battuta) E' formato da montanti e traverse che portano i vincoli (cerniere, guide, ecc.) per l'articolazione del telaio mobile. Il telaio fisso assume forma rettangolare nel caso delle finestre e rettangolare priva del lato inferiore nel caso delle porte finestra e delle porte.
Telaio mobile (o telaio dell'anta) E' formato da montanti e traverse che racchiudono il tamponamento e costituiscono la parte apribile del serramento.
Tenda alla veneziana Sistema di oscuramento ottenuto dall'assieme di lamelle metalliche orientabili ed impacchettabili in alto.
Tenda di tela Sistema di oscuramento costituito da un telo di tessuto (di vario materiale) avvolgibile in alto su apposito rullo.
Tenuta all'acqua E' la capacità di impedire infiltrazioni d'acqua sotto l'azione di una pressione differenziale tra interno ed esterno analoga a quella della prova di permeabilità all'aria. Il metodo di prova (UNI EN 1027) indicato dalla norma prevede che venga irrorata sulla superficie totale del serramento una determinata quantità di acqua attraverso degli spruzzatori. La perdita rilevata (attraverso tutte le parti apribili e vetrate del serramento) ad un determinato livello di pressione permette di attribuire la classe raggiunta dal serramento corrispondente a quel livello di pressione. Ciò è stabilito dalla norma UNI EN 12208 che prevede nove classi raggiungibili dal serramento abbinate alla lettera A corrispondente al metodo (1A,2A,3A,..,9A).
Trasmittanza termica Il coefficiente di trasmittanza termica (UW) indica quanta energia (calore/refrigerazione) disperde il serramento attraverso la sua superficie. Per la sua determinazione si inseriscono i dati relativi alle caratteristiche del serramento [coefficiente termico della vetrocamera, specie legnosa (spessore medio di telaio - anta, resistività interne ed esterne)] in un programma di calcolo opportunamente predisposto ottenendo così il suo valore numerico. Il coefficiente si esprime in [W/m2K]. L'entità di tale numero è direttamente proporzionale alla dispersione di calore che si ha attraverso il serramento.
Traversa Profilato orizzontale dei telai. Può essere fissa o mobile.

Vano Apertura praticata nel muro per permettere l'istallazione della finestra.
Veletta Elemento della parete che delimita esternamente l'alloggiamento del cassonetto e ne costituisce il componente esterno di chiusura.
Vernice all'acqua Componente verniciante costituito da resine acriliche diluite in basi acquose, con un'alta elasticità e un'ottima resistenza alle intemperie.
Vernice policeretanica La vernice più usata nell'industria del legno perché è economica e facile da applicare; presenta però l'inconveniente di ingiallire in quanto ha scarsa resistenza alla luce.
Vernice poliestere Utilizzata in genere dove si vogliono ottenere grossi spessori di vernice con ottime resistenze meccaniche. Viene impiegata normalmente sui piani dei tavoli e su altri elementi soggetti ad usura. Anch'essa ha però l'inconveniente di resistere poco alla luce e quindi di ingiallire.
Vetro acustico Vetrata raccomandate per le zone che presentano un levato inquinamento acustico e che permettono di ottenere un ambiente favorevole al riposo.
Vetro anticendio Vetro composto da due o più strati di una sostanza gelatinosa perfettamente trasparente che, in caso di incendio, si trasforma in una specie di schiuma ad alto potere termo-isolante ed elimina, inoltre, una grande quantità di vapore d'acqua, che raffredda in una certa misura la vetratura.
Vetro antifortunio Vetrata classificata in relazione alla normativa UNI EN 12600. Vetro che quando si rompe non rilascia frammenti taglienti. Obbligatorio nel caso di pericolo di caduta nel vuoto (es. scale, parapetti, portefinestre, aperture verso l'esterno ecc.) e di pericolo a persone o cose.
Vetro antivandalismo Vetrata impiegata nel caso di rischio di atti vandalici.
Vetro bassoemissivo Vetrate dotate di uno speciale deposito invisibile che riduce al minimo le fughe di calore. Riflettono il calore ambientale generato dall'impianto di riscaldamento, riducendo notevolmente la dispersione verso l'esterno, migliorando il confort, neutralizzando l'effetto vetro freddo e riducendo l'effetto condensa.
Vetro colorato Risultato della colorazione trasparente del vetro che viene realizzata mediante l'introduzione nella pasta di ossidi metallici (di ferro, rame o cobalto), di metalli allo stato colloidale (oro, stagno, selenio, o cadmio) e in forma di polveri (cobalto, selenio, ferro eventualmente più cromo). Tinte molto diffuse: bronzo, verde, ambra, grigio e rosa.
Vetro doppio E' formato da due o tre lastre unite al perimetro da opportuni distanziatori contenenti disidratanti per mantenere secca l'aria contenuta nelle intercapedini ed evitare così fenomeni di condensa interna alle lastre. Presenta un forte isolamento termico oltre che un buon isolamento acustico.
Vetro float Vetro ottenuto per colatura su stagno fuso della massa fluida ottenendo così lastre perfettamente piane e levigate.
Vetro isolante termicamente E' formato da due o tre lastre unite al perimetro da opportuni distanziatori contenenti disidratanti per mantenere secca l'aria contenuta nelle intercapedini ed evitare così fenomeni di condensa interna alle lastre. Presenta un forte isolamento termico oltre che un buon isolamento acustico.
Vetro opaco Non lascia passare la luce né consente la visibilità.
Vetro piano Vetro in lastra, nel quale, cioè, lo spessore è molto piccolo rispetto alle altre due dimensioni.
Vetro piano incolore Vetro incolore completamente trasparente. Lascia passare la luce e consente la visibilità.
Vetro riflettente Detto anche anti-solare perché destinato al controllo dell'irraggiamento solare (visivo e termico). È caratterizzato da un deposito metallico di varia natura e spessore applicabile sia su vetro float chiaro che su vetro colorato.
Vetro selettivo Vetro che filtra le radiazioni che lo attraversano.
Vetro stratificato Lastra di vetro formata da due o più vetri semplici incollati su tutta la superficie e con interposti dei fogli di materiale plastico trasparente (pvb-polivinilbutirrale). Le lastre così composte presentano una notevole resistenza allo sfondamento e ai proiettili.
Vetro temprato Vetro piano trattato in modo da indurre, negli strati superficiali, tensioni permanenti di compressione e da migliorare sensibilmente le caratteristiche di resistenza alla flessione ed allo shock termico. In caso di rottura accidentale, la lastra si sbriciola in piccoli frammenti inoffensivi perché privi di spigoli taglienti
Vetro traslucido Lascia passare la luce ma non consente la visibilità.

Zanca Elemento metallico per il fissaggio del controtelaio o del telaio fisso alla struttura muraria portante.
Zanzariera Serramento o tenda in cui l'elemento di tamponamento è costituito da una rete che impedisce il passaggio degli insetti lasciando invece passare l'aria e la luce. Se in forma di serramento, ha antine che possono essere scorrevoli o a saliscendi, mentre nel caso di tenda il telaio si avvolge in alto su un rullo.
Zincatura Processo di rivestimento di una superficie metallica con uno strato di zinco per protezione contro la corrosione, evitando così la ruggine.
Zoccoli Profilati o sistemi di profilati e lamiere posti nella parte inferiore dei serramenti.
 
     
 
mexall progress  
 
 
 
 
 
  MEXALL Progress s.p.a. via p. vitiello  70 | 84018 scafati (sa) | tel. 081 8507026 | fax 081 8507050 | mail: mexall@mexall.it